Juvenes Translatores Competition
Home > Italian > Juvenes Translatores Competition >

Sessant’anni quest’anno, accendiamo le candeline!


Avrò sessant’anni quest’anno, che significa che condivido il compleanno con l’Unione Europea (anche se non era chiamata così allora). Quando si invecchia, i compleanni importanti (quelli che finiscono con lo zero) portano a considerare cosa hai realizzato oltre a tutti i cambiamenti che si sono verificati. Quando, ho cominciato a ripensarci ho realizzato che molti cambiamenti sono direttamente dovuti all’Unione Europea.


Così tanto è cambiato che i ricordi d’infanzia diventano vaghi. Certo, ci sono i cambiamenti ovvi, come i computer, internet e i social media, ma la prima cosa che ho pensato è a come la nostra dieta è cambiata. Quando ripenso al cibo che mia madre faceva negli anni sessanta, mi rendo conto che non avevamo mai sentito parlare di pizza, pasta o pita, oppure di peperoni o melanzane, per fare alcuni esempi.


Dato che la maggior parte della frutta fresca e delle verdure che mangiamo oggi non può essere coltivata localmente, la nostra unica opzione era mangiare varietà in scatola. Un commercio maggiore tra i paesi dell’Unione Europea ha arricchito notevolmente le nostre abitudini alimentari.


E quel commercio ha portato con sé qualcosa di molto più prezioso: la pace. Non so voi, ma non potrei immaginare i paesi Europei Occidentali andare in guerra oggi, e i paesi dell’Europa orientale che sono entrati nell’Unione Europea sono obbligati a crescere più vicino l’uno all’altro e agli altri Paesi dell’Unione. Si da tutto questo per scontato ma dovremmo ricordare che questo è stato il più lungo periodo nella storia Europea Occidentale senza una guerra. Questo è un vero successo.


Uno dei grandi vantaggi della pace è che si può viaggiare più facilmente, facendo esperienza di luoghi e culture nuovi senza incontrare problemi alle frontiere e spesso persino senza cambiare valuta. Ai miei tempi, studiare all’estero non era ancora in voga, ma adesso i programmi come l’Erasmus rendono più semplice per i giovani imparare stili di vita diversi. L’opportunità di vivere in altri paesi Europei rende più facile imparare le lingue straniere, che è la chiave per conoscere veramente le persone. Al tempo stesso, il progresso tecnologico ci permette di rimanere in contatto con le famiglie più facilmente, specialmente adesso che le tariffe di roaming sono state abolite in Europa.


Con più persone che studiano all’estero, l’Europa ha fatto in modo che le qualifiche siano riconosciute reciprocamente in tutta Europa, così si può lavorare dovunque si desideri. Ho amici che lavorano a Parigi, Vienna, e Atene io stesso ho vissuto e lavorato in quattro paesi Europei. La generazione dei miei genitori poteva solo sognare così tanta libertà. Io e l’Europa possiamo essere entrambi orgogliosi di compiere sessant’anni!



Mimi Cleverly (B)